Quanto è lontano dagli occhi l’e-commerce?

Quanto è lontano dagli occhi l'e-commerce? | Nico Caradonna #OtticoDelWeb

Le più qualificate indagini di mercato non fanno altro che evidenziare il trend di crescita degli acquisti online e di come anche in Italia i consumatori siano sempre più indirizzati verso i canali digitali.

Di sicuro c’è più fiducia nelle piattaforme di vendita sul web rispetto al passato, è evidente che gli italiani hanno acquisito più dimestichezza e i pagamenti avvengono in maniera più sicura ma siamo sempre un passo indietro rispetto all’Europa e ancora di più rispetto all’America.
Purtroppo è un’arretratezza che caratterizza tutti i settori merceologici, ma se guardiamo al settore dell’ottica… siamo veramente all’inizio di un percorso. Un lungo percorso!

Al momento esistono e-commerce attivi in Italia ma sono la proiezione dei negozi reali sul web. Dov’è la novità? Per quale motivo un utente dovrebbe scegliere di comprare online se lo stesso prodotto visto sul web può trovarlo in un negozio in città?
Noto che c’è volontà di attivare gli e-commerce ma poi i progetti non decollano. Fino ad ora ne ho visti di bellissimi ma nessuno è diventato ancora un caso di successo.

Mi sono posto varie domande sul perchè il nostro settore non è predisposto alla vendita online. Nella maggior parte dei casi la risposta è che i nostri clienti hanno ancora bisogno diindossare gli occhiali per sentire la comodità e provare l’emozione giusta per far scattare l’acquisto.
Altre volte ho pensato che probabilmente nessuno ha ancora avuto l’idea giusta, la più geniale che possa incollare decine di migliaia di persone ad un portale di e-commerce di occhiali e realiazzare innumerevoli transazioni.

Lo so, non è facile ma prima o poi qualcuno ci arriverà, ne sono convinto.

I problemi per chi vuole lanciare una piattaforma e-commerce secondo me sono essenzialmente questi:

Investimento iniziale: in genere molto alto per creare qualcosa di bello e funzionale. Molti si lanciano in qualcosa di low cost affidandosi a sviluppatori poco professionali e questo purtroppo li condanna sin dall’inizio.

Tempo per seguire il progetto: non si può pensare di seguire l’e-commerce nei ritagli della giornata! E’ necessario creare un piccolo team che possa seguire tutti i giorni ogni cosa. I clienti fanno domande, richiedono assistenza, in generale cercano contatto, per questo bisogna esser pronti a rispondere in breve tempo.

Attrazione: pensare di lanciare un progetto e-commerce e gestirlo come un negozio tradizionale è solo uno spreco di risorse. Per esser vincenti bisogna distinguersi e per farlo ci vuole qualcosa che faccia nascere un desiderio fra gli utenti.

Fra le varie cose, sono dell’opinione che si debba investire sulla struttura, sull’architettura del sito e sullo stile grafico, altrimenti non ha senso iniziare. E’ necessario affidarsi a profesisonisti anzi, scusate, Professionisti a cui affidare la realizzazione di un prodotto web funzionanate e di valore, coerente col progetto. Se il nostro progetto vale perchè dovremmo affidarlo al primo pseudo sviluppatore low cost?

Ok, ormai l’avrete capito che sono fissato con la cura dei dettagli, è la mia deformazione professionale che un po’ mi condiziona ma son sicuro che anche voi in fondo la pensate come me. Le cose belle e piacevoli da consultare piacciono sempre, non è vero? 🙂

Da tempo sto pensando e ripensando a cosa potrebbe favorire lo sviluppo del mio settore nei canali web, non solo per l’aspetto commerciale, però non ho ancora trovato la soluzione giusta. Di sicuro ci vorrà un mix perfetto di strumenti web, con alla base una grande dose di elementi che possano creare unicità e riconoscibilità. Le nuove frontiere parlano di social-shopping (soluzioni pensate appositamente per effettuare degli acquisti grazie a widget integrati sui profili Social delle aziende) …bellissima idea, i miei adorati Social Network sono un potenziale inesauribile di contatti ma noi in Italia quando potremo sfruttare questi canali in maniera efficace e produttiva?

Cosa ne pensate? Se volete condividere un’idea io ci sono! La soluzione vincente potrebbe nascere dall’unione di più idee!



Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!

Share This

Share this post with your friends!